Descrizione Progetto

Informazioni

L’Associazione La Fonte 2004 onlus gestisce, in collaborazione con Omnia Cooperativa Sociale, il Centro per la Famiglia Co-Meta di Guidonia Montecelio. Si tratta di un servizio attivo nel territorio del Distretto Socio Sanitario RM 5.2. che garantisce interventi di sostegno alle famiglie attraverso azioni di prevenzione e tutela finalizzate a fronteggiare la complessità delle problematiche psico-sociali emergenti nel percorso evolutivo, per garantire il benessere delle famiglie che vivono situazioni di difficoltà. Il Centro opera secondo il modello sistemico – relazionale che valorizza l’individuo nei suoi sistemi interpersonali di riferimento, privilegiando il lavoro di rete all’interno dell’équipe del Centro, ma anche nel lavoro con i Servizi territoriali e invianti.

Servizi a disposizione degli utenti

Gli utenti accedeno al centro attraverso la segnalazione e l’invio del servizio sociale e/o della Asl. 

Finalizzati alla tutela del rapporto genitori-figli nei casi di separazione o divorzio della coppia. L’obiettivo di questo servizio è quello di creare uno spazio neutrale e protetto dove genitori e figli possano incontrarsi alla presenza di operatori competenti nella mediazione di conflitti e supportare i genitori nel loro ruolo che prosegue anche dopo la fine del rapporto di coppia. La finalità principale è la tutela della prosecuzione del rapporto affettivo con il genitore non affidatario, spesso messo a rischio dalla litigiosità della coppia separata.

Percorso di sostegno psicologico finalizzato a trattare la complessità emotiva, affettiva, relazionale e comunicativa che caratterizza il rapporto con i figli, soprattutto in alcune delicate fasi dello sviluppo o della vita della famiglia (separazioni e/o divorzi). Obiettivo del percorso è quello di fornire ai genitori strumenti conoscitivi ed emotivi che gli permetteranno di migliorare la propria capacità relazionale, accrescendo, di conseguenza, le competenze educative, di favorire una maggiore comprensione dei bisogni del figlio, di favorire lo sviluppo di una funzione riflessiva allo scopo di analizzare i propri vissuti, nella relazione genitore-figlio, di attivare risorse utili ed efficaci per gestire le criticità.

Interventi di supporto rivolti all’individuo alla coppia e alla famiglia, finalizzati a sostenere i fruitori nell’adempimento dei propri compiti di sviluppo allo scopo di favorire un nuovo e un diverso approccio alla salvaguardia della salute e al miglioramento, in generale, della qualità della vita.

Rivolta alle famiglie con minori, in condizione di disagio psico-sociale, finalizzata a contrastare le difficoltà nelle relazioni familiari e sociali attraverso attività di socializzazione in favore del minore, monitoraggio delle funzioni genitoriali, promozione delle risorse del minore e della famiglia, integrazione socio-culturale.

Intervento svolto da un operatore specializzato con la finalità di affiancare e sostenere l’adolescente nei suoi compiti evolutivi, in una atmosfera di conflittualità ridotta, per permettergli di usare al meglio le risorse personali e quelle del contesto ambientale. Fornisce, inoltre, modelli e tracce comportamentali in risposta a situazioni critiche e di difficoltà, con lo scopo di favorire la nascita di una relazione affettivamente significativa che supporti l’adolescente nella costruzione di una immagine positiva di sé.

Consiste in un percorso per la riorganizzazione delle relazioni familiari in vista o in seguito alla separazione o al divorzio. Si realizza attraverso una serie di incontri tra entrambi i genitori e un operatore qualificato. Il mediatore favorisce la comunicazione e aiuta padre e madre a trovare soluzioni realistiche per la suddivisione dei compiti genitoriali. Si apre in tal modo la possibilità di elaborare un progetto d’intesa reciproca e durevole su tutte le principali questioni riguardanti i figli. Questo progetto è negoziato e scelto dai genitori stessi, e non imposto da una terza persona.